Sono un fallito e mi faccio schifo

Carcere di latina video dating

Lucio mi ha detto dell'omicidio la sera prima del ritrovamento del corpo di Noemi e mi ha comunicato anche la sua decisione di volersi costituire ai carabinieri. Qualche tempo fa la mamma di Noemi aveva segnalato alla magistratura minorile il ragazzo a causa del suo comportamento violento. La prima commissione del Csm ha chiesto al comitato di Presidenza l'apertura di una pratica sul caso.

Non sarebbe stato, dunque, un omicidio d'impeto, come sostenuto dal ragazzo, ma un atto pianificato e studiato. Una volta prelevata Noemi da casa, dunque, i due sono passati per Alessano, poi sono andati a Novaglie e poi hanno percorso la litoranea fino a Santa Maria di Leuca. Questo fa quindi escludere che la giovane, come invece era stato detto in un primo momento, sia deceduta per i colpi inferti con una pietra in testa. Il referto medico allegato parla di una prognosi di giorni per un colpo al volto, probabilmente uno schiaffo.

Questo il contenuto delPer questo motivo erano sorti

Il piano, secondo il racconto del giovane, sarebbe stato quello quello di sterminare la famiglia di lui che ostacolava il loro rapporto. Nell'immagine si vede l'utilitaria arrivare e fermarsi in via San Nicola, a Specchia, a poche centinaia di metri da casa della giovane.

Per questo motivo erano sorti accesi contrasti tra le due famiglie. Questo il contenuto del biglietto che il diciassettenne avrebbe lasciato ai genitori. La famiglia del fidanzato e presunto assassino di Noemi Durini aveva denunciato la ragazza per atti persecutori nei confronti del giovane. Il padre di Noemi accusa il padre del fidanzato, sostenendo che ha avuto un ruolo fondamentale nell'omicidio della figlia.

Chiuso in una struttura protetta, il fidanzato di Noemi Durini continua a disperarsi per quello che ha fatto e continua ad essere confuso, alternando momenti di depressione e agitazione. Imma Durini nella denuncia accusava il ragazzo di lesioni nei confronti della figlia. Invece ieri la confessione del ragazzo.

La denuncia, secondo quanto si apprende, sarebbe stata fatta alcuni mesi fa e giorni dopo quella presentata invece dalla madre di Noemi. Dalla Tac eseguita nella camera mortuaria dell'ospedale Vito Fazzi di Lecce, non emergerebbero infatti segni di fratture scheletriche, tantomeno al cranio.